Ultimi argomenti
» Red Devils Award 2013 - Thiene (VI)
Lun Mag 20, 2013 10:56 am Da Laerte

» Avatar come si fa?
Mar Apr 30, 2013 10:49 am Da Mario Tibollo

» estrazione disegni costruttivi tramite Autocad
Sab Apr 27, 2013 6:26 pm Da Mario Tibollo

» Silvano ....... alias traippo
Gio Apr 18, 2013 12:22 pm Da traippo

» Birba 1960
Mar Apr 16, 2013 6:28 pm Da birba60

» Estrapolazione ordinate.
Lun Apr 15, 2013 5:45 pm Da Ricigliano Salvatore

» ciccio talenti
Dom Apr 14, 2013 6:20 pm Da ciccio talenti

» JP (Giampaolo)
Dom Apr 14, 2013 5:05 pm Da JP

» Ammiraglio
Dom Apr 14, 2013 4:14 pm Da Ammiraglio

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Marzo 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Calendario Calendario


JP (Giampaolo)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

JP (Giampaolo)

Messaggio  JP il Dom Apr 14, 2013 5:05 pm

Beh.. dopo tante presentazioni non potevo essere da meno...
Cercherò di essere più sintetico del mio solito, anche perché non mi piace parlare molto di me..

Giampaolo Cusati (JP per gli amici), classe 1964, sono stato introdotto al modellismo navale da mio papà, falegname di professione e modellista navale statico per diletto che ha sempre costruito da disegni (principalmente Aeropiccola, perché erano quelli in vendita 40 anni fa...)

Prima di mettere mano alla mia prima costruzione, a 17 anni circa (un Bounty che non so più dove possa essere naufragato) avevo sempre guardato lui durante le costruzioni, passandogli chiodini, martello, seghetto colla, etc... ma senza mai intervenire. Facevo (e male) modellini di aerei in plastica dell'Airfix, praticamente montati malissimo e verniciati peggio.

Poi ho preso gusto all'autocostruzione di modelli statici navali (in completa controtendenza con l'istruzione in quanto mi sono diplomato perito aeronautico :-) ) e da allora non ho mai più smesso (lavoro e famiglia permettendo).

All'inizio erano quasi tutte navi a vela, modelli basati su disegni delle varie case produttrici di kit di quegli anni (Mamoli, Amati, Navimodel, Mantua e l'immancabile Aeropiccola), poi sono passato, piano piano, verso disegni comprati in giro (musei principalmente) per poi "atterrare" all'autocostruzione basata su ricerca e confronto tra disegni, dati ed informazioni.

In questi ultimi dieci anni circa ho sviluppato una "insana" passione per le navi brutte, tozze e magari poco viste in giro... e quale migliore periodo di quello della marineria da guerra che va dal 1860 al 1890? Periodo in cui l'aspetto spesso grottesco di una nave da guerra serviva a dimostrare la sua "forza bruta" senza troppi fronzoli od orpelli....

E così mi sono gettato a corpo morto sullo studio di questo periodo, realizzando nel contempo alcuni modelli dopo anni di ricerca documentale.

Sono sempre stato abbastanza un "solitario" e solo da c.a. 5-6 anni ho iniziato a frequentare (come espositore) mostre e concorsi.
Prima ero solo stato un visitatore accanito.... che rimaneva a bocca aperta e scattava centinaia di foto (con impegni economici non indifferenti nello sviluppo e stampa, prima di decidermi a comprare la mia prima digitale)

Ho fatto parte, sempre negli ultimo 8-10 anni, di diversi club o associazioni, per approdare a quella attuale che mi vede socio da c.a. 3 anni (questo è il terzo) con molti alti e bassi (molti più bassi che alti) nelle vita di club.

Causa della mia vita lavorativa (lavoro praticamente da sempre per aziende multinazionali nel settore dell'informatica) che mi porta a lavorare all'estero per una buona metà del tempo, dedicando purtroppo sempre meno tempo al modellismo navale locale (e non solo a quello).

Ultimamente, pur avendo in costruzione un modello in scala 1:100 della corazzata spagnola Pelayo, ho iniziato a divertirmi con modelli navali in carta, su cui cercherò, in futuro, di descrivere le tecniche e l'approccio a questo tipo di modellismo da molti considerato "di serie B" , ma che permette belle ed interessanti realizzazioni e secondo me porta ad una apertura mentale maggiore anche verso il modellismo navale statico tradizionale.

Credo di aver detto anche troppo di me...
Ah... giusto.... dimenticavo!!

Soffro da morire il mal di mare, ma solo sull'acqua (sono capace di diventare verde con una ciambella addosso in 1 metro d'acqua) . Le turbolenze, in volo, invece, mi lasciano totalmente indifferente... quasi divertito!!!

Ciao ed a riscriverci presto

Jp

JP

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 11.04.13
Età : 53
Località : roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum